Altro che associati dilettanti.|È una palestra a scopo di lucro.

 

La sentenza in commento rispecchia fedelmente quel filone giurisprudenziale secondo il quale “gli enti associativi non godono di uno status di extrafiscalità, che li esenta, per definizione, da ogni prelievo fiscale, occorrendo sempre tenere conto della natura delle attività svolte in concreto” (cfrCassazione 4148/2013, 15321/2002 e 16032/2005).
E l’onere – ha stabilito sempre la Cassazione – di provare la sussistenza dei presupposti di fatto che giustificano l’agevolazione sull’Irpeg, nonché quella sull’Iva (articolo 4, decreto Iva), è a carico del soggetto collettivo che la invoca, secondo gli ordinari criteri stabiliti dall’articolo 2697 del codice civile (cfr Cassazione 16032/2005, 22598/2006, 11456/2010 e 8623/2012).